L’isola di Utopia

Non credo agli angeli,

non credo ai diavoli

non credo al fato, al destino, agli autorevoli

non credo agli ordini

né alle carceri

non credo alle favole di eroi e martiri

non credo al lavoro

non come salario

non credo al fan del generale rivoluzionario

non credo alla pace, la trovo feroce

non credo a tregue, armistizi né ai portavoce

non credo agli ultimi

perché non credo agli angeli

non credo ai primi

perché non credo ai diavoli

neanche alla croce perché non credo ai martiri

non credo a buoni, cattivi o respnsabili

non alle stelle

perché non credo al fato

non credo a niente che sia già stato deciso

non credo ai miti

non possono spiegare

poi guardo il mare e penso di sapere

Io non credo io so

so che il destino è tutto nelle mani mie

e nelle mani di viaggia accanto a me

quindi credo, potrei credere in te

perché io non credo, io so

che se lo faccio credo in tutto quel che c’è

le rocce, il legno, il fuoco che scalda il caffè

il prato dove siamo stesi io e te

Credo nel porto, nel faro della nave

nella rotta e nel sistema decimale

credo nell’uomo, credo nell’animale

credo nell’acqua e nel sale minerale

credo nell’aria l’ossigeno che brucia

nella scrittura, credo nella fiducia

credo in Utopia, credo nel capire

e nella parola in rima con volere

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *